Questa raccolta, raccoglie una prima meta artistica di Andrea Boscaro. Un viaggio alla ricerca del propio IO, del proprio segno, della propria strada artistica. Il segno è diventato pian piano sempre più ruvido. La voglia di esplorare quella caverna nascosta dentro di noi. Un richiamo all’arte primitiva, all’Africa, all’arte tribale, all’arte aborigena, passando da Jean-Michel Basquiat a Picasso. Abbandonare il conosciuto, le imposizioni stilistiche e la perfezione artistica: un abbandono del segno “perfetto” per perdersi invece in un segno più istintivo, che lascia spazio alla creatività a discapito della perfezione, un segno Punk Reggae Elettrico. Togliere invece che aggiungere. Riuscire ad a arrivare al disegno “nudo” tipico del bambino. La voglia di sperimentare, porta pian piano lo stile ad un segno che lascia spazio alla contaminazione al provare a discapito della tecnica classica. Da qui nasce il termine: PrimiTALE.